Museo del Design

Il Museo del Design di Barcellona è nato con lo lo scopo di promuovere una miglior comprensione del mondo del design, fungendo da museo e da laboratorio.

Il Museo del Design di Barcellona, noto anche con il suo nome ufficiale Museu del Disseny de Barcelona, è un museo che dipende dall’Istituto della Cultura cittadino, ed ha lo scopo di promuovere una miglior comprensione del mondo del design, fungendo sia da museo che da laboratorio.

I quattro musei originali

Si concentra su quattro aspetti del design: il design di spazi, il design di prodotti, il design delle informazioni e la moda. Il Museo del Design di Barcellona è il risultato dell’unione di alcuni musei pre-esistenti, il Museu de les Arts Decoratives, il Museu Tèxtil i d’Indumentària, il Casa Bloc Apartment e il Gabinet de les Arts Gràfiques.

L’edificio

Il Museo del Design di Barcellona è situato all’interno dell’edificio Disseny Hub Barcelona (DHUB) in Placa de les Glories. Fu progettato dallo studio di architettura MBM formato da Oriol Martorell, Oriol Bohigas e David Mackay, e i lavori di costruzione ebbero inizio nel luglio 2009. La costruzione terminò nel 2013, e il museo aprì le sue porte l’anno successivo.

L’edificio consiste di due parti, un’area sotterranea e un piano che emerge 14 metri sopra il suolo.

Area sotterranea

L’area sotterranea dell’edificio include due piani che comprendono una sala espositiva e stanze riservate ad attività quali ricerca, insegnamento e servizi.

Primo piano

E’ possibile accedere al primo piano da due diversi ingressi: quello della piazza, a 14 metri sopra il suolo, e quello della via Avila, posto al livello intermedio di 7 metri sopra il suolo. Il suo spazio principale riproduce una strada o un luogo pubblico, da cui parte una rampa di scale e alcuni ascensori per raggiungere i servizi posizionati alle altezze diverse.

L’origine del museo

Barcellona è da sempre una città collegata al mondo del design ed è per questo che fu deciso agli inizi degli anni 2000 di creare un punto di contatto tra questa disciplina e la gente: nacque così l’idea di uno spazio che permettesse al pubblico di comprendere le sfumature del design in senso più ampio. Fu deciso di costruire un singolo spazio all’interno del quale sarebbe stato collocato tutto quanto avesse a che fare con il mondo del design in città.

Oriol Bohigas assieme al suo team fu l’architetto responsabile della costruzione dell’edificio, situato in Placa de les Glories. Originariamente doveva essere chiamato Barcelona Design Museum, dal 2008 al 2013 fu chiamato Disseny Hub Barcelona e alla fine rinominato ancora con la denominazione attuale, Museu del Disseny de Barcelona. L’edificio è sede sia del Museo che del Foment de les Arts i el Disseny (FAD) e del Barcelona Centro de Diseno (BCD), due istituzioni pioniere nella promozione del design in Catalogna.

Informazioni utili

Indirizzo

Plaça de les Glòries Catalanes, 37, 08018 Barcelona, Spagna

Contatti

TEL: +34 932 56 68 00
Sito ufficiale

Orari

  • Lunedì: Chiuso
  • Martedì: 10:00 - 20:00
  • Mercoledì: 10:00 - 20:00
  • Giovedì: 10:00 - 20:00
  • Venerdì: 10:00 - 20:00
  • Sabato: 10:00 - 20:00
  • Domenica: 10:00 - 20:00

Trasporti

Fermate Metro

  • Glories (55 mt)
  • Marina (782 mt)
  • Bogatell (872 mt)

Fermate Tram

  • Glories (133 mt)
  • La Farinera (198 mt)
  • Pere IV (937 mt)

Fermate Bus

  • Pl. Glories Catalanes. s/n (49 mt)
  • Pl de les Glories (145 mt)
  • Badajoz - Diagonal (147 mt)

Dove si trova

Vedi gli Hotel in questa zona
Alloggi Museo del Design
Cerchi un alloggio in zona Museo del Design?
Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Museo del Design
Mostrami i prezzi

Come risparmiare su trasporti e biglietti d'ingresso

Pensate appositamente per chi vuole visitare Barcellona, le City Card permettono di risparmiare sui mezzi pubblici e sugli ingressi delle principali attrazioni turistiche.

Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 4.6 su 14 voti

Attrazioni nei dintorni

Condividi